ceraudo, vini e poesia

Dom, 15/02/2009 - 23:04

Sempre di corsa, ma mi piace pensare che a volte riuscirò a fermarmi per apprezzare e godere meglio quelle cose che ahimè sfioro solamente, delle quali avverto la bellezza, ma non riesco a goderne una di queste  sarà sicuramente l' azienda Dattilo, animata da quell' incredibile personaggio di Roberto Ceraudo. E penso a quel camino acceso con le due sedie messe lì ad aspettare qualcuno. Spero per l' appunto di essere una volta io. E godere così della solarità di un agriturismo vero, di vini che parlano il linguaggio schietto del territorio, di una cucina e di una sala che sanno declinare qualità lì dove è difficile immaginarlo, e soprattutto di godere la compagnia di questo straordinario personaggio, un vero "monsieur" che vive ancora in un mondo dove valgono le regole del buon senso, della buona educazione e cultura. Olio, agrumi e vino scandiscono il paesaggio intorno. Si alternano i bicchieri, Grayasusi, Petrelia, Petraro, imparerete presto a conoscere la duttilità del gaglioppo questo vitigno generoso che trova nel Dattilo la sua compiuta espressione. I racconti di Roberto riempiono di colore e calore umano la conversazione, i dolcetti e le marmellate di casa apportano la sostanza, e nel finale la sorpresa di un altro vitigno, il magliocco, in grado di esprimere l' ultima magia: il passito Doro Be. Azienda Dattilo di Roberto Ceraudo www.dattilo.it 0962865613
[caption id="attachment_770" align="aligncenter" width="500" caption="il ristorante"] 
 
[/caption]  

Archivio

Witaly S.r.l. 2012 © All rights reserved Partita Iva 10890471005
Witaly è registrata presso il Tribunale di Roma n. 95/2011 del 4/4/2011 – Tutti i diritti riservati